venerdì 23 giugno 2017

Napoli. Il Rione Sanità


 Palazzo Spagnuolo
 
Visitare una città vuol dire entrare nelle sue viscere e sentirne palpitare il cuore. Sono sempre i luoghi meno noti a identificare una città e a metterne a nudo il folklore, la storia e in particolare le credenze. Se Napoli è conosciuta per le sue bellezze impareggiabili, è nei suoi luoghi  più riposti che se ne colgono le pulsioni, quelle più ancestrali, più autentiche, più vere, ed è nel Rione Sanità che si sente pulsare il cuore della città, un angolo poco visitato ma che  trasmette la propria identità con un susseguirsi di emozioni. Vivacità e confusione, degrado e abbandono  si mescolano a un passato di storia e  catturano il visitatore, ponendolo di fronte a una realtà  diversa ma non meno interessante dei luoghi più rinomati.
        

Rione Sanità

Il rione Sanità, cosìddetto perché salubre, sorse  alla fine del XVI secolo in un vallone utilizzato già all’epoca greco-romana come luogo di sepoltura. Corrisponde a un’area ubicata a nord della città,  che si estende dal Borgo dei Vergini fino alle falde della collina di Capodimonte, a pochi passi dal centro, in un luogo un tempo al di fuori delle mura che delimitavano la città, e  collegato ad esso  da Porta San Gennaro, santo ricordato  dall’affresco.
Per chi proviene da via Foria, la prima zona che si incontra prima di giungere nella Sanità vera e propria è il borgo dei Vergini, detto anche borgo barocco per lo stile predominante nelle sue architetture. I Vergini rappresentano il primo tratto del lungo vallone che scorre tra le alture della Stella, dei Miracoli, di Capodimonte e di Materdei. Il nome indicava una fratria religiosa greca dedita alla temperanza ed è legato a un racconto: Ocna innamorata del giovane  Eunosto e da questi respinta,  lo accusò di violenza provocandone la morte per mano dei fratelli ma  saputa poi la verità, la ragazza si  uccise, i fratelli  furono incarcerati e il popolo innalzò un tempio in onore del giovane.
Tutto il quartiere prende il nome dal santuario della Stella, così chiamato per un’icona che raffigura la Madonna con una stella sul capo.



 Porta San Gennaro

Oltre alla bellezza delle strutture architettoniche di un barocco acceso ma nell’insieme raffinato, il luogo coinvolge per l’intensità della vita che in esso si svolge. Il mercato all’aperto è un richiamo con la ricca e varia mercanzia. L’occhio attento e curioso si sposta alacremente per seguire voci, richiami, frastuoni e fermarsi sulle specialità succulenti che accendono il gusto mentre l’orecchio si delizia al suono del dialetto o per meglio dire della lingua che trasforma ogni espressione in musica. Famosi i soprannomi,  che si leggono o si ascoltano, l’architetto Sanfelice era detto "Lievat' 'a sott'", "Togliti da sotto" per la leggerezza dei suoi progetti; poche parole ma poste ad arte, per indicare un pensiero di senso compiuto.
Inoltrarsi nel cuore del Rione Sanità è come entrare in un altro mondo, che apparentemente nulla ha da condividere con il centro  della città ma che ne rappresenta un aspetto fondamentale perché ne richiama le origini. Il luogo è cimiteriale. Ipogei ellenistici e catacombe paleocristiane come quelle di San Gennaro e di San Gaudioso  riportano indietro nel tempo e parlano del culto dei morti., della pietà e della solidarietà dei napoletani.(segue)



mercoledì 14 giugno 2017

Tra i profumi di San Remo. La Pigna

Ecco i colori e i profumi di San Remo che in tutti i luoghi inondano e inebriano.

Un luogo magico: La Pigna di San Remo
La Pigna è la zona più vecchia di San Remo ma anche la più affascinante dove pulsa il cuore di una città millenaria che non esiste più slargatasi tra strade nuove, Casinò e Palazzi signorili tra un turbinio di fiori, di profumi e di colori. 
 

Strade, stradine, viuzze, salite, discese, chiese e palazzi, un tempo signorili, contraddistinguono un ambiente ancestrale dove il silenzio diventa eco del passato e il rumore della città è lontanissimo, una barriera con il presente a ricordarci come era una volta la città arroccata con le numerose case addossate che aprendosi formano una pigna che racchiude il fascino antico di un’epoca e pagine infinite di storia.


La Pigna non si può descrivere a parole, bisogna visitarla per respirarne l’atmosfera e lasciarsi trasportare in un altro tempo impensabile accanto al frastuono dell’Ariston.